Un Mutuo è Per Sempre

Sono nervoso. Non perchè mi stia per succedere qualcosa, ma non ho mai fatto una cosa del genere. In più non metto mai la camicia, ma mi hanno consigliato di essere presentabile.

Come al solito, quando arrivo in anticipo ad un appuntamento importante, scendo dall’autobus un paio di fermate prima per farmela a piedi. Arrivo davanti alla banca 5 minuti in anticipo, attorno alle 10:40. Cammino ansioso di fronte all’entrata fino a quando, avvicinandomi, noto un senzatetto proprio accanto alla porta, credo di origine indiana.

Rompo lo scudo protettivo che mi creo mettendo le cuffie dell’iPod, perchè una domanda mi esce dalla bocca, quasi come un rigurgito acido.

“Scusa, non voglio per forza criticarti…ma l’esterno di una banca ti sembra il luogo adatto per chiedere l’elemosina? Senza offesa, eh? farete di certo dei corsi di formazione…sono solo curioso.”

Lui mi guarda e mi sorride.

“….Tutti mi dire me questa cosa, signore. Invece ho capito che questo posto è dove persone capiscono vero valore di soldi.  Quando qui, persone capiscono che soldi non facili da trovare, e capire che se io sono povero, non è mia colpa. Non solo mia colpa”

Il suo discorso mi tocca…profondamente.
Istintivamente lo tiro su e gli do una pacca sulla spalla e dalla mia bocca escono solo due parole.

“…Hai ragione…”

Dopo averlo consegnato ai carabinieri, chiedo al bar lì vicino se hanno dell’igenizzante per le mani. Mica posso entrare sapendo di spezie.

Aspetto che l’addetto apra la due porte elettroniche per farmi entrare, come se, dove c’è una banca, i ladri fossero fuori.

Appena entrato, ri-tolgo le cuffie e mi si avvicina un impiegato, sui 45 anni, con una faccia sorridente fino al punto di diventare irritante.

“Buonasera, benvenuto!”

“…sono le 11 di mattina, ma buonasera a lei, grazie.”

“Cosa le serve, signore?”

“Sono Daniele Russo….ho chiamato la settimana scorsa, sono qui per discutere le pratiche per il mutuo.”

“Ah, ma certo, signor Russo, prego, venga, si sieda.”

“Grazie.”

“Dunque, signor Russo cose l-“

“La prego, il signor Russo è mio padre, mi chiami Daniele.”

“Oh…va bene. Dunque signor Daniele, volevo saper-“

“No, la prego, solo Daniele, mi piace essere informale”

“Guardi, mi spiace signor Daniele…abbiamo una politica aziendale che ci impone di essere sempre impeccabili, anche in queste piccole cose.”

“Beh io apprezzo queste idee, specialmente quando si tratta di essere professionale, ma non potrebbere fare uno strappo alla regola?”

“Lo farei volentieri, ma l’ultimo collega che l’ha fatto ne ha subito le conseguenze…”

“Mamma mia, vi tirano le orecchie anche se date del tu ad un cliente?”

“Non è esattamente una tirata d’orecchie…”

“Cioè?”

“Ha presente quell’uomo che un mese fa è entrato nel sottopassaggio fra Porta Pia e Castro Pretorio, e che per colpa dei freni non funzionanti è morto andando a sbattere contro un pilone?”

“O mio Dio, si.”

“Ecco, il mio collega era dentro quel pilone.”

“Accidenti. Ma d’altronde, penso che per gestire certi posti serva anche un po’ di polso.”

“Decisamente…comunque, mi parli bene di cosa le serve.”

“Beh, quello che mi interessava era l’apertura di un mutuo…perchè dovrei comprarmi una casa.”

“Di quanto stiamo parlando?”

“Credo mi servano più o meno 100.000 euro, ma per andare sul sicuro, andrei sui 120.000.”

“Ho capito…per quanto riguarda le sue entrate? Sa devo chiederele qualche garanzia…”

“Guardi, io sono un giornalista…per il momento le mie entrate ammontano a circa 4.500 euro mensili…ma non escludo che, grazie alle collaborazioni, possa arrivare anche ad una cifra superiore.”

“Bene…”

“In pratica, vorrei chiederle che modalità di mutuo avete…specialmente per quanto riguarda numero di rate e tempi.”

“Fondamentalmente abbiamo due tipi: il primo, per questa cifra è di 12 anni. Le rata dovrebbe quindi ammontare a 883 euro mensili.”

“Mmmh, guardi credo sia un termine troppo lontano, anche se l’ammontare delle rate è basso e comodo. Ma non posso permettermi di tenerlo così a lungo, visto che nei miei progetti ci sarebbe anche quello di comprare un’altra casa, e non vorrei avere due mutui a carico…qual è l’altra opzione?”

“Abbiamo l’opzione bimestrale.”

“Come bimestrale?”

“Esattamente, bimestrale. Il mutuo dura due mesi in due comode rate da 60.000 euro.”

“Due rate da 60.000 euro? Ma cosa dice?”

“Perchè?”

“Io non posso accettare la rata a lungo termine e lei me ne propone una enorme in soli due mesi?”

“Si, non vedo dove sia il problema…”

“Ma questo è assurdo, è strozzinaggio!!”

“La prego, Signor Daniele, così ci offende, guardi che questa banca è fondata su solidi valori cattolici.”

“Non mi pare proprio.”

“Non ci crede? Guardi, ecco una foto del nostro direttore che stringe la mano a Pinochet.”

“Effettivamente…ma scusi, lì su quel muro c’è un crocifisso capovolto.”

“Ah, ma quello è per le sedute notturne…il segreto di un gruppo lavorativo è l’unità, certe cose si fanno per rafforzare la coesione…”

“E sarebbe una cosa normale secondo lei?”

“Ma guardi, alla fine la cosa difficile è trovare la vergine da sacrificare…cosa vuole, al giorno d’oggi..”

“Già su questo sono d’accordo, ormai il malcostume sta dilagando…è allucinante.”

“Infatti, proprio in un momento di crisi come questo, che bisogna appellarsi alla moralità ed ai valori, c’è davvero un degrado incredibile.”

“Credo sia colpa della televisione, ormai i ragazzi guardano solo quelle schifezze che trasmettono da mattina a sera e si rovinano.”

“Non me ne parli, mia figlia ha 19 anni ed è una zoccola che neanche le dico….pensi che ho dovuto sacrificare la secondogenita a 13, prima che diventasse troia come la sorella. Mica potevo rischiare che si rovinasse aspettando…”

“Ha ragione…..ha ragione…..di cosa stavamo parlando?”

“Credo stessi cercando di incularla.”

“Ah già….ma è allucinante!”

“Signor Daniele, io la capisco, ma si metta nei miei panni.”

“Ma guardi, mi sa che lo sto già facendo, visto che probabilmente dovrò darle anche quelli.”

“Vedo che ha capito l’antifona…”

“Ma questo è oltraggioso, è una rapina. Mi state proponendo una modalità di pagamento che non posso sostenere in alternativa ad una che non voglio prendere in considerazione? L’altra volta mi avevate dato molte più garanzie, questo è raggiro!”

“Guardi signor Daniele, che o sceglie queste opzioni o non ne sceglie nessuna. E non so se le conviene rifiutare questa offerta. Le ricordo che siamo la sua banca.”

“E questo è un ricatto!”

“…e tralaltro, potremmo dire in giro, alle nostre concorrenti che lei non è esattamente un “Cliente modello.”

“Ma questa è calunnia!”

“Guardi, eccelliamo in ogni forma di crimine, non si stupisca, in questo siamo molto versatili. La rimando al nostro depliant “La Banca Della Uno Bianca”, che risponderà a molte delle sue domande.”

“…ho capito…quindi è così…? Non c’è nulla che io possa fare…?”

“Non credo proprio signor Daniele…se vuole le posso dare la possibilità di avere in regalo un simpatico gadget, è un portachiavi a forma di vasetto di Vasellina…”

“La ringrazio…ma ne ho già uno, dalla mia banca precedente…allora io ripasserò in questa settimana per firmare i moduli…arrivederci…”

Uscendo sconsolato, mi sbottono il colletto della camicia, ma non era quella che mi dava l’impressione di essere strozzato.

Di fronte all’entrata, ritrovo il senzatetto di prima…lui mi guarda sorridente e mi dice qualcosa. Le mie cuffie coprono la sua voce, così le tolgo e gli chiedo di ripetere.

“Signore, i carabinieri detto che io fatto niente. Lei invece un errore ha fatto: è entrato in banca con speranza di trovare onesti. Invece ha trovato solo bancari. Quelli vogliono solo prendere soldi, di lei non interessa. Se posso consigliare, entri, prenda soldi e scappi. Perchè se non lo fa lei, fanno loro.”

Ha di nuovo ragione.

Così l’ho denunciato per istigazione a delinquere.

Annunci

12 Risposte to “Un Mutuo è Per Sempre”

  1. Ossignore, e io che lo percorro in continuazione quel tratto di sottopasso di Corso d’Italia!

    (Ogni riferimento a persone e cose in questo post è puramente casuale e di fantasia. Se fosse stato vero, difatti, il bancario ti avrebbe detto che quando vai a chiedere 120mila euro in banca, tra interessi, spese notarili e legali, tasse, cazzi e mazzi, te ne richiedono come minimo 180. E il dialogo avrebbe preso pieghe ancora più deliziosamente surreali)

  2. che geni il senzatetto e il senzacamiciainamidata! :)

  3. Sir Boneddu Says:

    sto morendo, questo post è fantastico dan!

  4. ROFL
    Thumbs Up 4 U dan!
    P.S.
    Io ero il senzatetto speziato. :ninja: :curry:

  5. Mi sono rimesso un po’ in pari dan e… questo è impareggiabile! :D

    P.P.S.: io sono il pilone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: