Niente Natale

BuffSanta AX

(Notte. Centro di una stanza da letto. Luci spente. Si sente ripetutamente bussare alla porta dell’appartamento.)

*(toc toc toc)*

ERMES: “Oddio, chi è a quest’ora? Per la miseria, vivo da solo da due mesi, già cominciano a rompermi le palle a notte fonda?”

(Ermes si alza, va alla porta)

ERMES: “Chi è?”

VOCE: “Sono io Ermes, apri.”

ERMES: “Io chi? non ho lo spioncino, scusa, non so chi sei. Ti conosco?”

VOCE: “Certo che mi conosci, deficente. Apri questa dannata porta.”

ERMES: “Scusa, ma provami che mi conosci, mica posso aprire a uno perchè mi dice che mi conosce.”

VOCE: “Ti chiami Ermes Fugazzoli.”

ERMES: “Bella forza, c’è scritto sul campanello.”

VOCE: “8 mesi fa hai preso il cappello del tuo professore di Statistica, ci hai cagato dentro, e poi hai aspettato che se lo rimettesse.”

ERMES: “Ma questo lo sanno tutti, basta vedere il video su Youtube!”

VOCE: “Tu pisci da seduto.”

ERMES: “…Papà sei tu?”

VOCE: “Apri, Per la miseria!!!!”

(Ermes toglie il chiavistello della porta, la apre di poco e guarda. Di fronte a lui, un signore anziano, corpulento, dalla barba bianca, gli occhialini e vestito completamente di rosso.)

ERMES: “Cofferati???”

BABBO NATALE: “Sono Babbo Natale, testa di cazzo. Fammi entrare, che fa un freddo porco.”

(entra)

ERMES: “…Babbo Natale?…ma scusi…ma co-“

BABBO NATALE: “Dio mio, quanto parli. Posso sedermi?”

(si siede)

ERMES: Beh…si è seduto. Mi scusi…ma perchè…no aspetti, io a Babbo Natale neanche ci credo.”

BABBO NATALE: “E zitto, Cristo. Ti sembra educazione dire ad un tuo ospite che non credi che lui esista? Sei sempre un coglione.”

ERMES: “…Intanto la ringrazio per le belle parole. Beh, se lei esiste…perchè è qui, a quest’ora?”

BABBO NATALE: “Quante domande che fai…non mi offri niente?”

ERMES: “Non ho niente, mi sono appena trasferito qui, scusi ma che cosa vuole?”

BABBO NATALE: “Che ne so, un the. Qualcosa di caldo. Sono tutto indolenzito, il viaggio per arrivare qui è stato lungo.”

ERMES: “Mi spiace ma….come il viaggio è stato lungo? Lei non viaggia su una slitta con delle renne?”

BABBO NATALE: “Quanto sei ingenuo, è il 10 Dicembre, non sono in servizio.”

ERMES: “E allora, come è arrivato qui?”

BABBO NATALE: “Col 62.”

ERMES: “Forte.”

BABBO NATALE: “Beh ma veniamo alla mia visita. Sai perchè sono qui?”

ERMES: “Non so un cazzo, signor Babbo.”

BABBO NATALE: “Ermes, io sono venuto qua per dirti che questo Natale, tu non avrai nessun regalo.”

ERMES: “Come no?”

BABBO NATALE: “Mi spiace, ma quest’anno ti è andata male…”

ERMES: “Ma che vuol dire che mi è andata male? Tu sei qui, fammelo no?”

BABBO NATALE: “Ma è il 10, mica posso fartelo oggi.”

ERMES: “Intendo a Natale, vecchio rincoglionito!”

BABBO NATALE: “Ehi, piano con le parole ragazzino che caga nei cappelli. Ti ho detto di no.”

ERMES: “Si, ma perchè non dovrei ricevere nessun regalo?”

BABBO NATALE: “Perchè non credi nel Natale. Non ci hai mai creduto. Non fai il presepe, non addobbi l’albero, non ti impegni nel fare i regali ai tuoi cari. In pratica, te ne fotti.”

ERMES: “Ma me ne sono sempre fottuto, ma ho sempre ricevuto regali.”

BABBO NATALE: “Si, ma era sempre tua mamma che te li faceva. Quest’anno vivi da solo, ed io non te lo farò di certo. Mi spiace Ermes…ma è così…ora purtroppo devo andare.”

ERMES: “No aspetta, non puoi andartene. Io voglio riceverlo un regalo. Che Natale sarebbe altrimenti? Cosa posso fare? Ti devo dimostrare che ci credo? beh allora: Evviva il Natale!! Jingle Bells!!! Buon compleanno Gesù Bambino!!!! Adoro la neve spray. Basta?”

BABBO NATALE: “Ermes….sei sempre stato un bravo ragazzo…ma non hai mai saputo fingere entusiasmo. Se tu non avessi fatto questa sceneggiata, io me ne sarei andato, e forse tu avresti riflettuto sul vero significato del Natale. Che non è uno schifoso regalo, ma è la vicinanza con le persone care. E tutte quelle cose che si sentono di solito nelle pubblicità della Coca-Cola. Invece hai perso la tua occasione. Quindi invece di un finale riflessivo, me ne andrò sbattendo la porta. E tu rimarrai qui e te ne andrai semplicemente a dormire. Ti sta bene? Rispondi Ermes, ti sta bene così?”

ERMES: “…”

BABBO NATALE: “Ho capito….buonanotte Ermes, e buon Natale. Per quello che vale.”

ERMES: “Buona notte, Babbo Natale. E grazie.”

(Babbo Natale esce, raddrizzando un quadro storto attaccato alla parete e sbattendo la porta. Ermes beve un bicchiere d’acqua, si sdraia sul letto e spegne la luce.)

Annunci

8 Risposte to “Niente Natale”

  1. Uffa, mo ci credo di nuovo!

  2. Beh, che dire… non so, l’unica cosa che mi viene in mente è: viva la fica, ma credo non c’entri niente. E allora basta. Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: