Avatar e Transformers: ovvero come James Cameron e Michael Bay hanno rovinato le mie seghe

I porno in HD mi sanno di finto.

Intendiamoci: io amo il progresso.
Lo sviluppo delle nuove tecnologie, la sperimentazione di tecniche nuove, la diffusione di conoscenze, tutto bellissimo.

Però i porno in alta definizione no, sono innaturali, invadenti, sanno di costruito.

Non voglio vedere perfettamente il riflesso della sborra sul mio schermo, sentire ogni rumore come se fossi lì accanto, notare quanto venose siano delle tette rifatte.

I porno in HD perdono tutto il loro potere narrativo in nome di una maggiore qualità grafica che non serve a nulla.

Un po’ come quando vedi Avatar.
Suggestivo, coraggioso, visivamente apprezzabile.

Poi guardi bene…

“Perché sto guardando Pocahontas dove i protagonisti sono blu?”

“Perché hanno speso 237 milioni  per fare delle piante in CGI quando potevano pagare uno sceneggiatore decente?”

“Ma, ma, ma, stanno legando le loro trecce ai nervi di animali volanti?”

Con l’alta definizione, quelle che vengono definite MILF non lo sono più.
Lo sono massimo fino ai 480p, dopo i quali si mostrano per quello che sono, cioè delle persone A-N-Z-I-A-N-E.
Vedo le rughe, le spaccature del viso, lo stucco sotto il collo.

Non mi viene voglia di scoparmele, mi viene voglia di tenergli il portone aperto. L’HD tenetevelo per i film su Netflix o per le serie TV scaricate illegalmente, io il porno lo voglio trascurato, sfuocato e anche un po’ sciatto per ricordare quanto barbaramente sciatta sia la mia vita sessuale. Non voglio vedere così vividamente tette, fighe e fluidi corporei, altrimenti mi ricordo che esistono davvero.

I pixel sanno di intimità, senza di loro perdono la loro essenza di peccato segreto, come quando James Hetfield si è tagliato i capelli e i Metallica sono diventati mainstream.

Catturaaa
Aaaaaaah, che meraviglia.

Per chiarire: apprezzo lo sforzo. Lo apprezzo davvero.

Il porno è una forma d’arte pregna di significato e di molti altri fluidi, e in un certo senso sono contento della sua diffusione, grazie a internet. Ma non c’è dubbio che la massificazione del prodotto ne ha svalutato il valore.

In più, è anche una questione nostalgica.

Per quelli della mia generazione, la masturbazione era un insieme di riti molto precisi, il sapere che i tuoi genitori sarebbero usciti, il sentire quel formicolio sotto le palle che pregusta il sollazzo pomeridiano, il mettere a scaricare 7h prima un film su Emule o Bearshare dal titolo arrapante e molto sporco, ben sapendo che nel 65% dei casi si trattava solo di una ragazza che si bagnava le tette con un tubo dell’acqua nel suo giardino (se andava bene, altrimenti erano due montoni che se lo spingevano su una montagna innevata con in sottofondo il rumore di un taglialegna canadese che cercava di accendere una sega a motore).

Ora invece, non c’è neanche più il gusto della ricerca, te lo tirano dietro a secchiate anche se non li vuoi o non ti piacciono, con la stessa frequenza con cui Micheal Bay sforna i sequel di Transformers.
Basta solo un pop-up che sbuca mentre sei al computer e sei risucchiato in questo turbinio di Anal e BDSM, quando tu stavi solo cercando informazioni sulla battaglia di Austerlitz.

Che tu sia dannato James Cameron, con la tua voglia di sperimentare e coi tuoi effetti speciali; che tu sia maledetto Michael Bay con la tua produzione eccessiva e le tue esplosioni.
Ho sempre temuto che un giorno il progresso avrebbe fagocitato ogni sfera della società, anche quella privata, in una sorta di distopia orwelliana. E quel giorno è arrivato.
Ed è solo colpa vostra.

E ora scusate, ma ho voglia di masturbarmi, devo solo trovare il video giusto.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

b218264c-1e6a-4d8c-8a25-df81b45c0d61

Andate a fanculo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: